Approvata la legge europea: le banche potranno salvarsi attingendo ai conti più ricchi

The Euro sculpture sits in front of the European Central Bank in Frankfurt, central Germany, Wednesday, April 28, 2010. Three weeks away from potential default, Greece saw its borrowing costs spiral higher once again Wednesday, a day after ratings agency Standard & Poor's downgraded the country's bonds to junk status. Stocks around the world tanked after the downgrade by S&P, which also lowered its rating on Portuguese bonds by two notches, indicating Greece's financial troubles are spreading to other eurozone countries.  The interest rate gap, or spread, between Greek and benchmark German 10-year bonds spiked to 7.7 percentage points, meaning Greece would face rates of above 10 percent if it tried issuing bonds now. The higher the gap, the less confidence in Greece. (AP Photo/Michael Probst)

The Euro sculpture sits in front of the European Central Bank in Frankfurt, (AP Photo/Michael Probst)

L’ultimo furto targato Unione europea si chiama bail in. È il salvataggio delle banche ad opera di azionisti e creditori.

Una norma che da oggi è in vigore anche in Italia. La Camera ha, infatti, approvato la legge di delegazione europea che con 270 voti favorevoli, 113 contrari e 22 astenuti. Dal primo gennaio 2016, se le banche saranno in default, potranno attingere dai conti correnti sopra i 100mila euro, dalle azioni e dalle obbligazioni dei propri clienti-risparmiatori. “È una misura inaccettabile – tuona il presidente dei deputati azzurri, Renato Brunetta – è un vero e proprio prelievo forzoso contro le famiglie, contro le imprese, e solo nell’interesse delle grandi banche”.

read more

Perché le patatine fritte del Belgio sono così buone

friesMILANO Il profumo si sente appena arrivati sul Decumano, visto che il chiosco delle patatine del Belgio è di fianco al suo padiglione: il quarto a destra. Di solito poi si comincia a vedere la coda, che in molte giornate dura dalla mattina alla sera: c’è gente che compra le patatine già alle 10 di mattina, ma c’è da aspettare parecchio soprattutto agli orari di pranzo e cena. read more

Donare soldi alla Grecia col crowdfunding non serve a nulla

grecia2Martedì sera la piattaforma di crowdfunding Indiegogo ha annunciato che una delle sue campagne di raccolta fondi era diventata così popolare che aveva mandato fuori uso i server del sito. La campagna in questione si chiama “Fondo per il salvataggio della Grecia” ed è un tentativo indipendente di risolvere i guai economici della Grecia attraverso la generosità dei 503 milioni di cittadini europei. read more

Aumenti per tappare il buco di bilancio: +50 euro di tasi a famiglia

leopoldo-di-girolamo-300x225TERNI La giunta Di Girolamo avrebbe trovato la quadra per far tornare i conti in vista del bilancio di previsione 2015. L’ammanco ritenuto più attendibile sarebbe a quota 10 milioni e mezzo di euro. Cifra da ottenere con l’aumento della Tasi, che le prime stime danno a 50 euro in più a famiglia, delle tariffe sui servizi, in particolare trasporti pubblici e mense, e con diversi tagli alla spesa pubblica (costo dei dirigenti, personale della partecipata Usi, lavori pubblici e sociale). read more

Sfiducia a Morelli, Novelli si ribella a Spn: “Non prendo ordini da nessuno”

Luciano Novelli

Luciano Novelli

NARNI – “Non prendo ordini da nessuno”. Risponde così Luciano Novelli al richiamo del suo partito, Sinistra per Narni, che gli ricorda di far parte di una forza politica di maggioranza. Sinistra per Narni non ha infatti mandato giù la firma di Novelli sulla mozione di sfiducia all’assessore all’ambiente Morelli presentata da Forza Italia e Tutti per Narni. Ma i richiami del suo partito Novelli li ignora. read more

Erba alta, sporcizia ed edifici pericolanti: Esplode la protesta sul decoro urbano

erba altaNARNI – Era alta anche nei centri abitati, edifici pericolanti, manutenzioni ridotte all’osso, rabbia dei cittadini che sale sempre di più. La situazione del decoro urbano non migliora nè al centro storico, nè allo Scalo e nemmeno a giudicare dalle lamentele die cittadini, nelle altre zone perifieriche della città. Sui social network è un pullulare di protesta, la piazza elettronica diventata ormai uno sfogatoio senza fine è zeppa di proteste. read more