camera di commercio terniTERNI Cresce il tasso di apertura delle imprese verso l’estero, la propensione all’export e tiene l’indice di dotazione infrastrutturale della provincia. Ma sul “versante interno” il territorio soffre per una contrazione del valore aggiunto pro-capite e del tasso di imprenditività.
E’ quanto emerge attraverso lo strumento di lettura messo a punto dall’ufficio Informazione economica della Camera di commercio di Terni per monitorare, rispetto all’Umbria e all’Italia, lo stato di salute dell’economia del territorio e la sua evoluzione nel tempo secondo sei indicatori rilevanti.
I dati fotografano il “diamante dell’economia” al 2012 rispetto all’ultimo aggiornamento del 2010 e mostrano un tessuto produttivo e imprenditoriale che sta cercando di uscire dalla crisi sostanzialmente guardando all’estero. Tiene infatti l’indicatore di competitività sui mercati internazionali. Il tasso di apertura delle imprese ternane passa dal 54,9 del 2010 al 56,5 del 2012, ancora ben lontano tuttavia dalla vetta del 70,1 raggiunto nel 2007.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.