ast5TERNI La posizione di mercato dell’Ast sarà tutelata e forse persino espansa durante la fase di transizione perché specifiche garanzie in tal senso sono state ottenute da Outokumpu. Joaquin Almunia, vice presidente della Commissione Europea con delega alla concorrenza, ha fornito questa risposta dopo la lettera delle istituzioni umbre. Le sue sono “affermazioni molto importanti”, secondo la presidente della Regione Catiuscia Marini, il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo e il presidente della Provincia, Feliciano Polli.

E’ ritenuto significativo soprattutto quanto viene detto riguardo al “sistema di garanzie finalizzate alla sostenibilità economica di Ast nella fase di transizione”. Ecco di cosa si tratta: “La conversione di parte del debito di Ast, al fine di assicurare il rispetto della normativa italiana sull’adeguatezza patrimoniale; il mantenimento delle garanzie commerciali da parte di Outokumpu a copertura del rischio di insolvenza di Ast nei confronti dei suoi fornitori, fino al perfezionamento del processo di vendita; l’approvazione da parte di Outokumpu della creazione di un’organizzazione commerciale su scala globale da parte di Ast, al fine di assicurarne l’ingresso nel mercato con forza autonoma; il mantenimento dell’incarico all’attuale gestore di Ast fino al perfezionamento della vendita; una maggiore trasparenza sul processo di vendita nei confronti dell’amministrazione di Ast, subordinata alla firma di un accordo volto a limitare la circolazione di informazioni riservate e alla protezione dei segreti commerciali di Outokumpu”.

E l’elenco prosegue: “La conferma dell’impegno da parte di Outokumpu a non danneggiare la posizione di Ast riguardo alle vendite nei confronti dei suoi clienti principali; il mantenimento dell’accesso di Ast alla rete mondiale di vendita di Outokumpu fino al perfezionamento della vendita; il supporto al programma di investimenti previsto da Ast nel 2013; fino al perfezionamento della vendita, la prosecuzione della fornitura da parte di Ast per soddisfare il fabbisogno del Tubificio di Terni, ad eccezione di volumi molto limitati che potranno essere forniti da Outokumpu; la fornitura totale da parte di Ast nei confronti del Centro servizi di Willich per tutti i prodotti che Outokumpu non produce, come ad esempio i prodotti ferritici e bright annealed. Inoltre, a partire dal primo ottobre 2013, la fornitura in misura significativa per i prodotti che sia Outokumpu che Ast producono”.

 Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.