ast (3)La probabile proroga consessa dalla Commissione europea alla multinazionale finlandese per la cessione dell’Ast suscita la preoccupazione non solo per il sito ternano ma anche per “l’intera filiera produttiva e per tutta la città” del vicepresidente del parlamento europeo Roberta Angelilli e la presidente della Commissione industria, Amalia Sartori.
“Il commissario europeo alla Concorrenza, Almunia,  – dichiarano Angelilli e Sartori in una nota – durante l´incontro con le parti sociali e le istituzioni umbre avvenuto a Strasburgo lo scorso giugno, aveva escluso la possibilità di concedere ulteriori proroghe, precisando che trascorso il termine assegnato, avrebbe nominato un garante al fine di sovraintendere in maniera imparziale alla vendita. Questa mancanza di coerenza, accompagnata da scarse informazioni sulle procedure,  – continuano – mal si concilia con le priorità ribadite nel corso dell’incontro a Strasburgo: mantenere la competitività, i volumi produttivi del sito integrato, e le opportune garanzie per mantenere i livelli occupazionali e per assicurare un futuro industriale alle acciaierie  di Terni”.
Angelilli e Sartori annunciano, inoltre, che “da Bruxelles da oggi partiranno una serie di azioni parlamentari presentate dalla delegazione italiana per rimettere al centro dell’attenzione la procedura su Ast Terni e per tracciare una roadmap chiara e definita”.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.