marini catiusciaTERNI Outokumpu ha comunicato al ministero dello Sviluppo economico di aver ricevuto due offerte di acquisto vincolanti e una non vincolante per lo stabilimento Ast di Terni. E l’incontro a Roma per conoscere i contenuti delle offerte di acquisto per l’Ast arrivate sul tavolo di Outokumpu è vicino. Due offerte, di tipo vincolante, provengono dalla cordata guidata da Aperam (all’interno anche le italiane Marcegaglia e Arvedi) e dal fondo di investimento americano Apollo. Un’altra, non vincolante, è del gruppo cinese Thishang. La multinazionale finlandese le ha comunicate al ministero dello Sviluppo economico, presso il quale dovrebbe tenersi un incontro tra l’azienda, i sindacati e le istituzioni locali a giorni.
Da tempo le organizzazioni sindacali attendono il confronto nella speranza di acquisire “elementi di valutazione certi e oggettivi”. Lo ribadisce Claudio Cipolla, segretario della Fiom-Cgil di Terni: “Conosciamo i nomi dei gruppi interessati, ma siamo in attesa dell’incontro a Roma, che speriamo sia il più presto possibile. E’ in quella sede che saranno ufficializzate i contenuti delle proposte sia a livello economico sia a livello di piano industriale. Ci interessa, ovviamente, che questi piani non indeboliscano le produzioni ternane”.
Intanto domani giornata di incontri. I sindacati hanno convocato una rsu di gruppo mentre nel pomeriggio il sindaco di Terni Di Girolamo, il presidente della Provincia Polli e i sindacati avranno un faccia a faccia con l’assessore regionale Riommi.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.