epifaniROMA – Sulla questione della decadenza di Silvio Berlusconi da senatore ”il Pd rispetterà la legge. Ma è chiaro che voteremo sì. Io non ho mai avuto dubbi, né per il voto palese in giunta né per il voto segreto in aula. Tra di noi non ci saranno franchi tiratori”. Lo afferma il leader del Pd, Guglielmo Epifani, in un’intervista a Repubblica, spiegando: ”Questa decisione non nasce dal fatto che vogliamo eliminare per via giudiziaria un avversario politico, lo facciamo invece perché è giusto così e perché questo è ciò che ci impone il principio di legalità. Nessun giustizialismo da parte nostra, ma nessun salvacondotto per chiunque”.

Le ipotesi che vanno dalla grazia all’amnistia, passando per la commutazione della pena, per Epifani sono ”tentativi affannosi, scorciatoie impercorribili”, mentre sull’incostituzionalità della legge Severino, il segretario democrat sottolinea: ”Un tema di questa natura ha ovviamente un profilo che va soppesato, anche se personalmente non ne ravvedo le condizioni. Ma in ogni caso, non può essere il Parlamento a sollevare questo rilievo”.

Epifani inoltre puntualizza: ”Di fronte alla condanna definitiva di Berlusconi, non si può chiedere a noi ancora responsabilità. E’ un problema della destra, se ne faccia carico la destra. Scelga quale strada vuole imboccare: quella della responsabilità e della stabilità, o quella del tanto meglio, tanto peggio”. Quanto al governo, Epifani evidenzia: ”Il Pd ha fatto e continuerà a fare ogni sforzo perché il governo vada avanti” e di fronte agli ultimatum del Pdl ”rilanciamo noi l’appello a loro: in nome dell’interesse del Paese, non staccate la spina”.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.