001ROMA – La notizia della conferma della condanna di Silvio Berlusconi ha fatto rapidamente il giro del mondo. La stampa italiana dà risalto alla conferma della condanna a quattro anni, più che all’annullamento con rinvio della condanna all’interdizione.

Ecco le prime pagine dei quotidiani nazionali in edicola venerdì 2 agosto 2013:

Berlusconi condannato: ma resto in campo. Il Corriere della Sera: “Non è più candidabile e un voto del Senato potrebbe farlo decadere da parlamentare. Il Cavaliere reagisce: violenza terribile, mi tolgono la libertà, avanti con Forza Italia.”

Berlusconi, la condanna è definitiva. La Repubblica: “La Cassazione: correggere solo l’interdizione. Il Cavaliere ai domiciliari o ai servizi sociali.”

Berlusconi condannato: non lascio. La Stampa: “La Cassazione: definitivi i quattro anni ma l’interdizione dovrà essere rivista dalla Corte d’Appello Videomessaggio dell’ex premier: “Magistrati irresponsabili, ecco come l’Italia riconosce i miei sacrifici”.”

Condannato il delinquente. Il Fatto Quotidiano: “Il governo ormai è un morto che cammina.”

Berlusconi condannato: resto. Il Messaggero: “Mediaset, la Cassazione conferma la pena a 4 anni per frode fiscale. “Rideterminare l’interdizione”.”

Berlusconi, non è finita. Il Giornale: “Sentenza politica. Il Cav: “Non ci sto. Rifaccio Forza Italia”. Il Pdl è unito, i ministri non lasciano. Il Pd minaccia il governo.”

Risorgerò. Libero: “La sentenza della Cassazione è una mazzata: condanna confermata. Berlusconi in tv la voce rotta: “Sono innocente, certi giudici mi perseguitano, riformiamo questo Paese.”

Cassato. Il Manifesto: “La Cassazione conferma la sentenza di condanna a quattro anni di carcere: Berlusconi ha frodato il fisco. Rinviato a un nuovo giudizio il computo dell’interdizione dai pubblici uffici.”

BlitzQuotidiano

Un commento su “Berlusconi, le prime pagine. Libero: “Risorgerò”, Fatto: “Condannato il delinquente”

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.