imu-tassa-casa-servizi-31TERNI Prosegue il lavoro degli uffici dell’assessorato al Bilancio finanziarie per la predisposizione del consuntivo 2013 e del preventivo 2014. La giunta municipale ha confermato l’intenzione di licenziare i due fondamentali atti in tempo utile per l’approvazione da parte del consiglio comunale prima della conclusione del mandato amministrativo. Il consuntivo 2013 “evidenzia – dichiara il vicesindaco con delega al Bilancio Libero Paci –  conti in equilibrio e un ampio margine di rispetto del saldo del patto di stabilità, accompagnati da una attenta verifica dei residui attivi e di quelli passivi. Relativamente al bilancio di previsione si scontano ancora una volta un assottigliamento delle risorse finanziarie ed elementi di incertezza per quanto riguarda le voci di entrata. In particolare si tratta di gestire la cancellazione dell’Imu sull’abitazione principale che non sarà compensata come nel 2013 da rimborsi statali, ma verrà di fatto sostituita dalla Tasi (tassa servizi indivisibili).
“Nel nostro comune – prosegue Paci –  per compensare il minor gettito Imu prima casa pari a 9,5 ml dovremmo spingere al massimo le aliquote della Tasi (3,3 per mille per l’abitazione principale, 11,4 per mille di Imu+Tasi per gli altri immobili) con un aggravio per molte categorie. La proposta di applicazione della Tasi a cui sta lavorando l’assessorato al bilancio e la direzione tributi muove in una direzione opposta.
L’orientamento è quello di aliquote contenute sensibilmente al di sotto di quelle consentite dalla normativa, con un gettito inferiore rispetto a quello Imu prima casa e con diverse agevolazioni a carico del bilancio comunale. Il proposito della giunta è di salvaguardare l’abitazione principale, le attività economiche, le categorie più deboli con aliquote ridotte e in molti casi con l’esenzione dal pagamento della Tasi. Le esenzioni riguarderanno le rendite catastali e i redditi più bassi relativamente all’abitazione principale, nonché le aree edificabili sulle quali quindi non si pagherà la Tasi”.

La proposta complessiva di applicazione della Tasi, con la modulazione delle aliquote, con le detrazioni, le agevolazioni e i casi di esenzione, verrà presentata dal vicesindaco alle associazioni rappresentative della proprietà edilizia e dell’inquilinato e alle associazioni dei consumatori in un apposito incontro fissato per mercoledi 26 marzo. Analoghi incontri si terranno con le organizzazioni sindacali e le associazioni imprenditoriali e di categoria.
“Anche con la modulazione della Tasi che proporremo nei prossimi giorni alle associazioni interessate – conclude Paci – daremo prova di equilibrio e responsabilità, con scelte di equità e tutela delle situazioni di disagio. Alle inderogabili necessità di bilancio rispondiamo con misure di rigore e risparmio senza porre in discussione servizi essenziali”.

Ufficio Stampa Comune di Terni

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.