morsi1-300x242IL CAIRO – Il colpo di Stato in Egitto è iniziato. Scaduto l’ultimatum dell’esercito al presidenteMohammed Morsi, elicotteri militari hanno iniziato a sorvolare piazza Tahrir, teatro delle proteste degli ultimi giorni. Il Cairo è una città assediata, con i carri armati attorno al palazzo presidenziale e alla sede delle televisione di Stato, la Ertu, e in alcuni punti strategici della città.

Il presidente egiziano è stato posto agli arresti domiciliari e gli è stato vietato l’espatrio. Stesso divieto per la guida spirituale della Fratellanza Musulmana, Mohamed Badie, e importanti leader della Fratellanza come Khairat el Shater, Essam Sultan e Mohamde el Beltagui.

L’esercito lunedì 1° luglio aveva chiesto a Morsi di risolvere la situazione entro mercoledì pomeriggio alle 17. L’ultimatum era stato respinto.

Per la seconda volta in due anni è intervenuto l’esercito per scardinare le istituzioni che controllano il Paese, nonostante a differenza del febbraio 2011, quando deposero Hosni Mubarak, questa volta hanno mandato via il primo presidente democraticamente eletto nella storia dell’Egitto.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.