terreni-agricoliPECHINO – La Cina compra il 5% dell’Ucraina.Terreni agricoli grandi quanto il Belgio, l’Armenia o il Massachusetts. Tre milioni di ettari  di terreni che produrranno cibo per soddisfare i fabbisogni di Pechino. La popolazione cinese aumenta e tra zone urbane che si allargano e inquinamento, la Cina necessità di nuovi terreni da coltivare.

Ilaria Maria Sala spiega su La Stampa:

“Così a Pechino si sono evidentemente chiesti: dove troveremo la terra arabile e le risorse idriche per nutrire, dissetare e vestire più di 1,3 miliardi di persone? Già ora la Cina è particolarmente preoccupata per la sua dipendenza dall’estero per la soia, il cotone, l’olio di palma, i latticini, le pelli e la lana, e per le riserve d’acqua potabile”.

Non solo l’Ucraina, la Cina ha già comprato terreni in Africa, Sud America e Asia Centrale, in particolare nel Corno d’Africa e in Brasile:

“Secondo l’International Institute for Sustainable Development (Iisd), la Cina è impegnata in 54 progetti agricoli oltreconfine per un totale di 4,8 milioni di ettari di terra che garantiscono investimenti agricoli per l’esportazione esclusiva alla Cina. A questi, dice l’Iisd, devono aggiungersi numerosi progetti attualmente in corso di finalizzazione, in particolare in Kazakhstan e appunto in Ucraina”.

L’Ucraina ha commentato la vendita del 5% dei terreni ridimensionando la situazione:

“Così la versione accreditata ora da Kiev è che la Cina sta conducendo dei negoziati e puntando a investimenti nel settore idrico e agricolo con l’Ucraina. Più che di acquisto di terreno si parla di «noleggio» per decine di anni. Il senso però dell’espansionismo cinese non cambia”.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.