300px-Zombie_donna-225x300PECHINO (CINA) – Una donna, nella Cina orientale (fonte Huffington Post), nella provincia di Anhui Lu’an,  stanca di subire violenze, ha torturato il marito per tre giorni poi, per completare la vendetta, lo ha ucciso e cotto in pentola. La donna, di cui non si conoscono le generalità, aveva più volte denunciato le violenze del marito.

Dopo i tre giorni di tortura  la moglie furiosa ha smembrato il marito con una sega a mano per poi bollire i pezzi in una pentola a pressione, nel tentativo, evidentemente vano, di nascondere le tracce dell’omicidio.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.