scontriniROMA –”E lo scontrino, scusi?”. La frase forse può risultare antipatica e fastidiosa, ma è bene che anche i romani imparino a pronunciarla e a farci caso se è vero che il 70,86% dei commercianti di Roma e provincia non emette scontrini e ricevute fiscali. È il risultato delle verifiche compiute dalla Guardia di finanza tra sabato e domenica nell’ambito del “Piano straordinario di controllo economico del territorio”: su 779 controlli, sono state contestate 552 violazioni.

Le irregolarità vanno ad aggiungersi alle 6.678 già individuate dal Comando Provinciale delle Fiamme gialle nei primi otto mesi dell’anno, con una percentuale di violazioni che, a fronte di 10.613 verifiche, si attesta al 62,92%.

I controlli della Finanza hanno riguardato anchel’abusivismo e la vendita di prodotti contraffatti: nel fine settimana sono stati sequestrati 7.500 pezzi e denunciati 25 venditori. Numeri che vanno ad aggiungersi agli oltre 16 milioni di merci falsificate o pericolose già bloccate dai finanzieri romani nei primi otto mesi del 2013. Sei milioni solo tra luglio e agosto, per il cui commercio sono stati denunciati 527 venditori, mentre altri 211 hanno ricevuto una contravvenzione.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.