piazzaPERUGIA Consulenza a tempo di record. Il Comune prende un esperto per un progetto di comunicazione sulla sostenibilità ambientale. Fin qui tutto bene (pure se l’amministrazione trai suoi dipendenti conta decine e decine di profili da comunicatore, non ultimo quello del concorso “prendi uno, paghi tre”).
Ma il bello è che la delibera viene pubblicata all’albo pretorio quando già da venti giorni è stato affidato l’incarico. Come dire: ci fosse stato qualcuno interessato, s’è attaccato. Sarebbe arrivato comunque troppo tardi.
L’atto di giunta è il 490 del 19 dicembre scorso: il senso è che, vista la “candidatura a capitale europea e l’importanza della comunicazione”, dato che c’erano quattromilanovecento euro dell’Arpa( Agenzia regionale di protezione ambientale) da utilizzare nell’ambito di un progetto sulla qualità dell’aria (PMetro), ci si potevano aggiungere altri diciassette mila euro per “la realizzazione di un nuovo sistema di informazione e comunicazione in tema ambientale”.
L’importo complessivo previsto a bilancio è precisamente di 21.901 euro. Si dà perciò mandato al dirigente di settore, con l’immediata eseguibilità, “di predisporre il progetto di ricerca”.
La pubblicazione all’albo pretorio della delibera avviene il 9 gennaio 2013. Tuttavia chi si fosse fatto venir in mente un progetto magari meno costoso (forse anche gratuito) ha avuto una bella sorpresa: con la determinazione dirigenziale del 20 dicembre 2012 (il giorno dopo la succitata delibera di giunta) il “nuovo sistema di informazione” viene assegnato alla cooperativa Comodo (Comunicazione moltiplica doveri) che, giusto il 7 dicembre (due settimane prima) aveva presentato una proposta “per un progetto di ricerca – è scritto nella determina – denominato Perugia per: città aperta, crescita sostenibile”.
Il compenso richiesto dalla Comodo era di 18.100 euro oltre Iva (il tetto oltre il quale serve la gara è di 20mila euro a Perugia, ndr), che,compresa l’imposta sul valore aggiunto, è diventato di 21.901 euro, giusto giusto la stessa cifra prevista dalla delibera del giorno prima.

Notizia integrale nel Corriere dell’Umbria del 29 agosto

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.