condominio-297x300ROMA – Riforma del condominio: dal 18 giugno i lavori si pagano in anticipo. E i condòmini insorgono. La norma più contestata (non certo la sola, però) prevede infatti per le opere di manutenzione straordinaria l’obbligo di costituire un “fondo di importo pari all’ammontare dei lavori”. In pratica tutti i condòmini non pagheranno più i lavori dopo che sono stati fatti nelle spese condominiali, quindi con una sorta di rateizzazione. L’intero importo andrà invece pagato tutto subito prima che le imprese edili inizino l’opera.

La norma è stata voluta, ovviamente, dai costruttori per tutelarsi dai mancati pagamenti “ma oggi appare pressoché impossibile da attuare se la si interpreta in maniera letterale, sottolinea il presidente dell’Anaci, l’Associazione nazionale degli amministratori immobiliari, Pietro Membri: in condominio si fa fatica ad accantonare i soldi per il Tfr delle custodi, è ben difficile pensare che un’assemblea decida di pagare in anticipo decine di migliaia di euro”.

In questo modo le imprese edili sperano di tornare a prendere soldi sicuri dal rifacimento di tetti, facciate, ascensori e simili. Ma se questa norma entrerà in vigore, per di più con la crisi attuale, il rischio concreto è che i condomini decidano di rinunciare, molto semplicemente, alla manutenzione straordinaria. 

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.