U.S. President Obama and first family arrive in BelfastNon solo crescita e lavoro nella bozza del comunicato finale del G8.

Un'”urgente priorità” che riguarda soprattutto “i giovani ed i disoccupati a lungo termine”, ma soprattutto un accordo contro i paradisi fiscali.

Tre le ricette che i leader delle maggiori potenze mondiali hanno trovato in questi giorni: “Sostegno alla domanda, sicurezza delle finanze pubbliche e riforme strutturali”. Una politica che vede comunque protagonista l’Europa, che deve proseguire l’applicazione “fortemente necessaria”, degli accordi dell’Unione bancaria. Trovato, inoltre, un accordo contro il riciclaggio e le “società di comodo” utilizzate come strumento di evasione fiscale.

Altra storia il capitolo Siria, che ha visto opposti Obama e Putin. Il G8 “sostiene fortemente la proposta di una conferenza per raggiungere una soluzione politica con la piena applicazione del comunicato di Ginevra del 2012”, si legge nella bozza, ancora in corso di discussione. Preoccupa inoltre il “programma nucleare iraniano” che continua ad andare avanti “in violazione con le risoluzioni” Onu e le indicazioni della Aiea.

art su ilgiornale

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.