autostrada-traffico-lp-3677La crisi fa stringere la cinghia agli italiani, che riducono le spese generali e cercano di risparmiare anche sul cibo, mettendo in campo degli accorgimenti che permettano di contenere i costi, anche a scapito della qualità e della quantità degli alimenti. Ma sono soprattutto i comparti dell’abbigliamento e delle calzature a risentire del periodo di austerity per le famiglie.

NIENTE BOLLINO “ROSSO O NERO” – Scende inevitabilmente anche la quota del proprio portafoglio che gli italiani dedicano alla cultura, al cinema e allo svago. Ai dell’Istat sui consumi delle famiglie durante lo scorso anno va aggiunto una drastica riduzione della spesa per le vacanze. Sarà la prima estate, quella del 2013, senza il bollino rosso sulle autostrade italiane. Niente code, niente traffico, perché la maggior parte degli italiani non avrà il denaro per concedersi alcuni giorni di riposo.

LE TRATTE CALDE – Il primo week-end di luglio, da sempre la data in cui inizia appunto il “bollino rosso” sulle strade, non è per niente ricco di partenze. I famosi tratti “caldi” come per esempio la Torino-Savona non vedranno code o intasamenti di auto. La crisi blocca migliaia di famiglie e fino ad agosto potrebbe verificarsi un calo generale del traffico.

Questo fine settimana sarà la cartina tornasole dell’andamento dei prossimi due mesi. La società autostradale ha sottolineato come alcune arterie, da sempre tra le più trafficate, subiranno drasticamente questo effetto. Al nord, è il caso appunto della Torino-Savona, oppure della Torino-Piacenza. Code e serpentoni non sono da escludere a priori, ma la tendenza degli ultimi anni legata al minore numero complessivo dei mezzi in circolazione è destinata ad accentuarsi.

art su affariitaliani

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.