Carlo Sangalli, ConfCommercio

Carlo Sangalli, ConfCommercio

ROMA – Senza crescita moriremo di disoccupazione: a rischio ci sono altri 650 mila posti di lavoro. A lanciare l’allarme è Rete Imprese Italia che in occasione dell’assemblea annuale fornisce i dati sullo stato della crisi. “La crisi sta cancellando la parte più vitale del nostro sistema produttivo: nel 2013, 26,6 miliardi in meno di Pil, 22,8 miliardi in meno di consumi, 249 mila chiusure della attività commerciali e dell’artigianato”.

“Tra il 2007 e il 2013 – sottolinea l’organizzazione – il nostro paese avrà perso 121 miliardi di euro di Pil: un abisso”. Secondo una ricerca Cer-Rete Imprese, “la recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso, avendo superato anche il drammatico episodio degli anni Trenta. Allora furono sufficienti 6 anni per tornare ai livelli pre-crisi, oggi, secondo le previsioni governative, non saranno sufficienti dieci anni”.

In assenza di crescita, le imprese italiane potrebbero trovarsi a dover attuare ulteriori tagli di occupazione. Si parla di un numero compreso fra i 400 e i 650 mila posti in meno. Il presidente, Carlo Sangalli, si rivolge al governo: “Adesso tocca a voi perché le imprese da sole non ce la fanno più.Tocca al governo e alla politica fare la propria parte, tutta e sino in fondo”.

Netta, secondo lo studio, è la differenza rispetto alle recessioni del 1975 e del 1992: nello stesso arco di tempo trascorso dall’avvio della recessione corrente (6 anni) il Pil aveva già registrato aumenti di oltre 20 punti nel 1975 e di quasi 10 punti nel 1992. Su questo sfondo, la contabilità della crisi è sintetizzata da alcuni dati: la perdita di prodotto reale rispetto al 2007 raggiungerà a fine 2013 i 121 miliardi di euro (-8,1%); nel 2017 il livello del prodotto reale sarà ancora inferiore del 2,9% rispetto ai valori pre-recessivi (2007).

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.