TERNI –  La telefonata arriva al 113 ieri mattina da un appartamento di via Buonarroti quando una signora avverte la Polizia di Stato che tre persone stanno armeggiando davanti alla porta di casa. Il tempo di arrivare per una pattuglia della Squadra Volante, che si trova già in zona, proprio per controllare le aree residenziali della città per prevenire i furti in abitazione, ma il terzetto è già sparito, probabilmente deve aver intuito la presenza in casa di qualcuno.

La signora fornisce una descrizione sommaria delle persone e gli agenti si mettono subito sulle loro tracce; è in viale Stazione che la loro attenzione viene attirata da un’auto con tre ragazze a bordo e dopo pochi metri, in Piazza Tacito la fermano.

Le tre donne sono senza documenti e nascosti nel bagagliaio ci sono tre grossi cacciaviti. Portate in questura, vengono identificate e dai riscontri dattiloscopici emerge che sono tutte cittadine croate, provenienti dal campo nomadi di via Salone di Roma e tutte con precedenti penali.

In particolare: quella che era alla guida, di 29 anni, risulta avere una lunga sfilza di precedenti per furto in abitazione e numerosi allontanamenti da varie città italiane, tra cui il Divieto di Ritorno del 2015 del Questore di Terni, inoltre, non ha mai conseguito la patente. Anche una delle due passeggere, di 21 anni ed incinta, ha numerosi precedenti penali per furto in abitazione, mentre la terza, di 12 anni, risulta fuggita da un centro di Firenze al quale era stata affidata dopo aver commesso un furto in abitazione lo scorso novembre.

estratto da UmbriaDomani articolo completo al sito

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.