carcere terniTERNI Un detenuto rumeno di 32 anni si è suicidato martedì sera verso le 19 nella sua cella del carcere di Terni. “E’ l’ennesima triste notizia che ci troviamo a commentare”. Dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, che ricorda che venti giorni fa il Sappe manifestò davanti al carcere di Spoleto proprio per denunciare la grave emergenza penitenziaria umbra.  “Il suicidio – continua Capece – costituisce solo un aspetto di quella più ampia e complessa crisi di identità che il carcere determina”. “La via più netta e radicale per eliminare tutti questi disagi – spiega il sindacalista – è quella di un ripensamento complessivo della funzione della pena e, al suo interno, del ruolo del carcere”.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.