TERNI – La notizia dell’ultima ora parla delle dimissioni di Andrea Zingarelli del PD.

Si aprono le porte del dissesto finanziario per idl Comune di Terni. La decisione della Corte dei Conti a sezioni riunite di respingere il piano di rientro non avrà di certo poche conseguenze. Si apriranno una serie di situazioni che si ripercuoteranno sui cittadini e anche sui dipendenti comunali, che andranno incontro a tagli in busta paga e a possibili esuberi.

Ieri, dopo la decisione, riunione d’emergenza della maggioranza. E dal meeting sembra che il sindaco Leopoldo Di Girolamo insieme alla sua squadra non siano intenzionati a presentare altri ricorsi, tanto meno il primo cittadino ha intenzione di dimettersi (*). Di certo però da Palazzo Spada è atteso un segnale, che potrebbe andare nell’ottica di un maxi rimpasto.

L’ipotesi che si fa avanti è quindi quella dell’intervento del Prefetto. Quest’ultimo invierà a Palazzo Spada un documento nel quale sancirà il dissesto finanziario.

In consiglio comunale quell’atto sarà votato entro venti giorni. Un consiglio comunale convocato c’è già, ed è quello del 30. Escluso quello del 29, in quanto non ci sarebbero i tempi tecnici relativi al cambiamento di ordine del giorno.

Intanto si fanno i conti con le conseguenze del dissesto: i fornitori non saranno pagati fino al prossimo rendiconto, tariffe e tasse al massimo e sui dipendenti comunali anche lo spettro degli esuberi.

(*) E’ notizia di queste ultime ore della volontà del Sindaco Leopoldo Di Girolamo di rassegnare le dimissioni domani Venerdì 26 Gennaio.

UmbriaDomani

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.