frutti boscoTORINO – Cinque nuovi casi di frutti di bosco surgelati, contaminati dal virus dell’epatite A, sono stati scoperti dalle analisi disposte da Raffaele Guariniello, che il mese scorso aveva aperto un’inchiesta. Si tratta di prodotti prelevati in supermercati torinesi provenienti dall’estero e commercializzati da ditte di Lombardia e Emilia Romagna. I casi sono stati segnalati al ministero della Salute. Chiesta una rogatoria a Polonia, Ucraina e Canada, da dove provengono i frutti, e disposti nuovi campionamenti in Italia.

Il magistrato torinese aveva aperto un’inchiesta il mese scorso dopo le segnalazioni di un aumento esponenziale delle infezioni in tutta Italia. Il reato ipotizzato, al momento ancora a carico di ignoti, è commercializzazione di sostanze alimentari pericolose per la salute pubblica. Il pm Guariniello aveva già individuato altre 10 aziende con sede in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna nei cui prodotti era stata rilevata la presenza del virus. Il Ministero della Salute ha recentemente rinnovato l’invito a consumare i frutti di bosco surgelati solo dopo bollitura di almeno due minuti.

Ansa.it

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.