C_4_articolo_2153906_upiImageppLa vicepresidente di Confindustria Diana Bracco è stata rinviata a giudizio a Milano con le accuse di evasione fiscale e appropriazione indebita, reati che avrebbe commesso come presidente del Cda di Bracco Spa. Lo ha deciso il gup Alessandro Santangelo, accogliendo la richiesta del pm Giordano Baggio. A carico dell’imprenditrice ci sarebbe l’accusa di una frode da un milione di euro.

TGCom24

 

 

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.