bangROMA – Se siete assidui utilizzatori dell’app Bang with Friends, state attenti perché un bug potrebbe mettervi nella spiacevole condizione di far sapere a tutto Facebook con chi fate sesso. E tanti cari saluti alla privacy, precondizione indispensabile per gli audaci che hanno voluto provare l’ebrezza dell’applicazione per “trombamici”.

Proprio così, Bang with Friends, per chi non lo sapesse, è un’applicazione che vi aiuta a trovare amici di letto, quelli che in America si chiamanoFriends with benefits (volgarmente noti come trombamici). Il funzionamento è semplicissimo: si scarica l’app sul proprio smartphone, si accorda il consenso per la connessione a Facebook e poi non vi resta che scegliere nella vostra lista amici, i “papabili”. Se cliccate su Up for hang vi rendete disponibili ad un innocente appuntamento, ma scegliendo Down for bang

Ma qual è la differenza tra usare Bang With Friends e mandare un semplice ed esplicito messaggio all’amico/a che vorremmo bangarci? Ebbene l’applicazione serve proprio a questo, a garantirvi l’anonimato: l’invito sarà recapitato solo in caso di interesse reciproco, ovvero solo quando entrambi gli amici si saranno scelti a vicenda. In altre parole, finché solo uno dei due avrà mostrato interesse l’invito non sarà consegnato e voi sarete salvi dall’umiliazione di un rifiuto esplicito.

Sembra però che non sia proprio così, secondo il Wall Street Journal sta girando un link che in effetti permette a chiunque di vedere chi, tra i propri amici, usa o si è iscritto al servizio. La società, che sta assaporando il successo e ha già raccolto un milione di dollari di finanziamenti, si è difesa sostenendo che il problema riguarda soltanto coloro i quali si sono iscritti prima di gennaio. E non è certo una garanzia…

art su blitz

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.