san giovanni battista ospedaleFOLIGNO E’ in accordo con le Aziende sanitarie locali che gli uomini del Nucleo Antisofisticazione dei carabinieri hanno recentemente avviato, in tutti gli ospedali Umbri, l’indagine al termine della quale, mercoledì, sono stati emessi 68 avvisi di garanzia nei confronti di altrettanti infermieri, medici e operatori socio – sanitari dell’ospedale San Giovanni Battista. 
Già in un recente passato situazioni analoghe a quelle riscontrate a Foligno erano emerse nell’ambito di altre inchieste del Nas, condotte all’interno delle strutture di Narni e Amelia.
“Il nostro compito in questo momento- ha spiegato sull’argomento il direttore generale dell’Ausl2, Sandro Fratini – è quello di parlare con ognuno dei 68 dipendenti interessati dall’inchiesta del Nas. L’obiettivo è capire ogni situazione e ogni contesto in cui è maturato un comportamento certamente scorretto e dannoso per l’azienda e per l’ospedale. Ritengo che ogni caso sia diverso dagli altri e come tale vada affrontato e successivamente valutato”.

Servizio integrale nel Corriere dell’Umbria del 12 luglio

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.