TORINO – Parlano di una “giustizia a metà” e chiedono l’estradizione per i dirigenti tedeschi, perché “devono essere processati in Italia e pagare per quello che hanno fatto”. Sono i familiari dei sette operai morti il 6 dicembre 2007 nel rogo alle acciaierie Thyssen di Torino che oggi hanno ricordato i loro cari al cimitero Monumentale nel nono anniversario della tragedia.
Quello di Laura Rodinò, sorella di Rosario, una delle vittime, è “un appello alla giustizia: è sbagliato – dice – che non sia stata chiesta l’estradizione per i colpevoli tedeschi che sono ancora liberi di fare quello che vogliono. Devono essere giudicati in Italia, anche per una questione di equità nei confronti degli imputati italiani, e non in Germania dove potrebbero avere delle pene ridicole”.
“Qui – aggiunge – abbiamo avuto giustizia perché c’eravamo tutti noi a batterci, sono stati otto anni tremendi, ma almeno una condanna c’è stata e finalmente anche le loro famiglie capiranno che cosa vuol dire passare un Natale nel dolore”.

Ansa

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.