A COLPI DI PICCONE FERISCE 3 UOMINI, UNO E' MORTOUn’aggressione a colpi di piccone. Senza una ragione. Almeno per il momento.

Questa mattina a Milano, nel quartiere Niguarda, un uomo di origini ghanesi ha feritogravemente due persone e ne ha uccisa una prima di essere bloccato dai carabinieri.

Secondo le prime informazioni i ferimenti sarebbero avvenuti casualmente, per strada, senza alcuna motivazione apparente. Un uomo di circa 40 anni è deceduto in ospedale nella clinica Città Studi. Mentre sono molto gravi le condizioni di un 64enne. Un ragazzo di 21 anni è stato invece colpito alla schiena: le sue condizioni non destano preoccupazione.

Le aggressioni sarebbero iniziate in via Adratico attorno alle 6.30 di questa mattina. L’aggressore ha colpito un uomo di 64 anni alla testa ferendolo in maniera grave. Subito dopo è andato in piazza Belloveso dove si è scagliato contro un uomo di 40 anni colpendolo più volte alla testa. Subito dopo è andato in via Monte Rotondo dove ha colpito un ragazzo di 19 anni alla nuca e alla schiena ferendo anche lui in maniera grave. I passanti hanno tentato di fermarlo e hanno chiamato i carabinieri che sono intervenuti e l’hanno arrestato quando aveva in mano ancora il piccone. È stato portato in caserma per controlli. L’aggressore, in evidente stato di agitazione, non ha detto niente ai militari. Il killer si chiama Mada K. ed è un giovane ghanese irregolare e con precedenti per rapina, furto e resistenza a pubblico ufficiale. Era stato foto-segnalato nel 2011, in Puglia, e intimato all’espulsione. Secondo indiscrezioni, successivamente sarebbe stato identificato durante un normale controllo circa un mese fa anche a Milano.

“Le persone che ho sentito dicono che si tratterebbe del gesto di un folle, ma sono commenti del momento, certo sono tutti sconcertati ma di più non saprei dire, ho avuto frammentarie notizie dai miei parrocchiani”, ha dichiarato il parroco della chiesa di S. Martino in Niguarda, che si trova in
piazza Belloveso, nei pressi del luogo dell’aggressione.

art su ilgiornale

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.