++ Letta urges Maroni to close 'shameful chapter' ++Governo alle prese coi nodi dell’Iva e dell’Imu. A Palazzo Chigi si è riunita la “cabina di regia” dell’esecutivo, a cui hanno preso parte la delegazione del governo guidata da Enrico Letta, e i capigruppo della maggioranza.

In una nota diffusa al termine dei lavori, durati poco meno di due ore, si legge che “entro il 31 agosto il Governo imprimerà un’accelerazione al pagamento dei debiti della P.A., a fornire soluzioni strutturali per superare l’Imu sulla prima casa, a individuare le coperture per evitare l’aumento dell’IVA, ad attuare provvedimenti su ammortizzatori sociali e questione esodati”. Governo e maggioranza, dunque, confermano l’impegno a individuare le coperture per evitare l’aumento dell’Iva, che senza interventi scatterebbe dal 1° ottobre.

Nel corso della discussione – si legge ancora nella nota di Palazzo Chigi – sono emersi forte sostegno politico, unità d’intenti e larga condivisione sull’impostazione, i tempi, il merito dei provvedimenti da attuare in materia di politica economica nei prossimi mesi, “in particolare per ciò che attiene alla Legge di Stabilità”.

All’incontro, introdotto dal presidente del Consiglio, Enrico Letta, hanno partecipato, per il governo, il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Angelino Alfano, i ministri dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, dei Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, degli Affari Regionali e Autonomie, Graziano Delrio, e il sottosegretario alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri, Filippo Patroni Griffi. Presenti, inoltre, i capigruppo delle forze politiche che sostengono l’esecutivo.

“In autunno – racconta ai giornalisti il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta – ci sarà una strategia, una sorta di road show da parte di Letta per spiegare ai mercati come sarà attaccato il debito, come farlo attraverso la dimissione del patrimonio pubblico”.

art su ilgiornale

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.