stefano_fassina_lp-199x300ROMA –  Via l’Imu all’85% delle famiglie italiane. E’ l’idea di Stefano Fassina, viceministro dell’Economia. Secondo lui il 15% degli immobili di lusso garantirebbe comunque 2 miliardi.

Le risorse sono ”limitate” – dice – ma altri 2 miliardi si potrebbero usare per evitare l’aumento Iva, per ridurre le tasse sui redditi più bassi o per rifinanziare la cassa integrazione in deroga.

Iva

Cancellare l’aumento dell’Iva è, per quanto mi riguarda, una priorità”, ha ricordato Fassina. ”Ritengo che vada confermato e attuato l’impegno alla cancellazione dell’aumento dell’Iva, per ora soltanto posticipato al 1 ottobre” ha detto Fassina, sottolineando che ”in una situazione di sofferenza così acuta” l’aumento ”è un intervento recessivo sul piano economico e aggressivo sul piano sociale”

Evasione

Fassina riconosce che

esiste ”un’evasione di sopravvivenza”. ”Senza voler strizzare l’occhio a nessuno senza ambiguità nel contrastare l’evasione ci sono ragioni profonde e strutturali che spingono molti soggetti a comportamenti di cui farebbero volentieri a meno”.

Manovra

”Non è alla luce nessuna manovra correttiva” a settembre con l’aggiornamento del Def. ”Dobbiamo fare riferimento al saldo strutturale che è in pareggio come da impegni presi a Bruxelles”. ”Dobbiamo costruire una manovra che alloca le risorse in modo più efficiente e utilizzi gli spazi di flessibilità conquistati con l’uscita dalla procedure di infrazione”.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.