money-transfer-259x300ROMA – Una maxi evasione da 4 miliardi. Ovvero una maxi evasione che, se fosse stata evitata per tempo, avrebbe coperto il pagamento dell’Imu sulla prima casa. Succede in Italia, a Prato e non solo. Ci sono 4 miliardi di euro che, negli ultimi 5 anni, hanno preso la direzione della Cina. E lo hanno fatto, secondo la Procura di Firenze che indaga su un presunto maxi-riciclaggio, in modo illegale.

Tutti soldi, secondo l’accusa, che imprenditori soprattutto cinesi hanno guadagnato in Italia al nero grazie allo sfruttamento di manodopera sotto pagata e/o clandestina, alla contraffazione di marchi, al contrabbando e all’evasione fiscale. E che poi hanno fatto arrivare in Cina per “ripulirli”. Ma come?

Racconta su Repubblica Michele Bocci che la spedizione avveniva in modo da aggirare i controlli. Attraverso una serie infinita di piccole spedizioni con il Money Transfer:

Per ripulirli venivano mandati in Cina utilizzando un numero enorme di transazioni di basso valore, la maggior parte di appena 1.999 euro l’una, che permettevano di evitare i controlli, automatici dai2mila euro in su. Chi inviava realmente il denaro era occultato dietro prestanome alcune volte consapevoli, altre ignari o inesistenti. Il lavoro per le agenzie era immane. In cinque anni una che si trova in via Principe Umberto a Roma ha fatto qualcosa come 460.686 operazioni per un totale di un miliardo 245 milioni di euro trasferiti.

Dopo i primi controlli i trasferimenti da Prato alla Cina sono improvvisamente scesi. Segno di un flusso interrotto o, più probabilmente, dell’apertura di un nuovo canale. Racconta Repubblica:

È stata Bankitalia a rendersi conto che qualcosa non andava. I controlli periodici sulle transazioni transfrontaliere hanno rivelato che nel 2009 e nei due anni precedenti solo da Prato sono partiti qualcosa come 430 milioni di euro all’anno per la Cina. Nel 2010 è stata resa pubblica la prima indagine della procura di Firenze e quell’anno i trasferimenti dalla città toscana sono scesi a 170 milioni. Non sono più tornati al livello dell’anno precedente. Segno che il flusso di denaro è stato interrotto o ha trovato altri canali.

L’inchiesta, ora, è alle battute conclusive: gli indagati sono 287, in maggioranza imprenditori cinesi. Non mancano però anche italiani. L’ipotesi di reato di associazione mafiosa “finalizzata al riciclaggio di ingentisomme di denaro pari a euro 4.501.189.227,58, dall’anno 2006 all’anno 2010″. Tutto perché il sospetto degli inquirenti è che l’organizzazione lavorasse in modo mafioso, ovvero con intimidazioni e minacce. La speranza, ovviamente, è quella di fermare l’organizzazione e anche il trasferimento illegale di denaro. 4 miliardi, in tempi di casse vuote e dibattito sulla cancellazione dell’Imu, avrebbero fatto comodo.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.