bpsSPOLETO Sono 34 gli avvisi di conclusione delle indagini in corso di notificazione nell’ambito dell’inchiesta Bps condotta dal Nucleo speciale di polizia valutaria della guardia di finanza di Roma su coordinamento del procuratore della Repubblica Gianfranco Riggio e del sostituto procuratore Federica Albano. Come specificato da una nota della Procura, si procede “per i reati di associazione per delinquere e plurime ipotesi di appropriazione indebita aggravata, intermediazione usuraria, ostacolo alle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza, bancarotta fraudolenta, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture e documenti per operazioni inesistenti, omessa comunicazione del conflitto di interessi”. Il periodo preso in considerazione dagli inquirenti va dal 30 settembre 2007 al 24 aprile 2012. Questo l’arco temporale in cui si assumono commessi fatti “ai danni della Banca Popolare di Spoleto e di altri soggetti”.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.