san girolamoDopo Paolo Zappelli, il tribunale del riesame ha disposto la scarcerazione e gli arresti domiciliari anche per Luca Galletti e Antonio Zitti, implicati nell’inchiesta sul castello narnese di San Girolamo. Galletti è l’ex direttore dell’ufficio tecnico della Curia, mentre Antonio Zitti è il dirigente all’Urbanistica del Comune di Narni. Una volta sbrigate le formalità di rito i due, tra pochi minuti, usciranno dal carcere di Sabbione.

Le accuse Associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta e alla truffa. Queste le accuse che hanno portato la guardia di finanza e la squadra mobile di Terni ad arrestare Galletti, Zitti e l’economo della curia Zappelli (per il quale il Riesame ha confermato i domiciliari).

Irregolarità nella vendita d’asta L’inchiesta del pubblico ministero Elisabetta Massini riguarda presunte irregolarità nella gara per la vendita all’asta, da parte del Comune, del Castello San Girolamo di Narni ed è “derivata” dal filone principale sui presunti ammanchi alla diocesi ternana.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.