SMOG: AREA C; RIPARTE TICKET, RIACCESE TELECAMERE A MILANOBRUXELLES, – L’Italia e’ il terzo paese Ue per quantita’ di emissioni di CO2 nel 2012, con 366 milioni di tonnellate prodotte. A far peggio solo la Germania, con il record di 728 milioni, e la Gran Bretagna, con 472 milioni.

L’Italia ha pero’ tagliato del 5,1% le emissioni rispetto al 2011, mentre gli altri due paesi hanno registrato uno degli aumenti maggiori, rispettivamente +0,9% e +3,9%. Sono le prime stime di Eurostat, che segnala come a livello Ue le emissioni di CO2 nel 2012 siano scese del 2,1% rispetto al 2011.

Nel 2012, secondo Eurostat, il livello di emissioni si e’ ridotto in 23 paesi su 27: le ‘pecore nere’ sono, oltre a Germania e Gran Bretagna, Malta (+6,3%) e Lituania (+1,7%). A tagliare di piu’ la quantita’ di CO2 prodotta sono stati invece Belgio e Finlandia (-11,8%), Svezia (-10,1%) e Danimarca (-9,4%), ma anche Cipro (-8,5%), Bulgaria (-6,9%), Slovacchia (-6,5%), Repubblica ceca (-5,2%) e poi Italia e Polonia (entrambe -5,1%). Francia, Polonia e Spagna sono, dietro l’Italia, tra i maggiori produttori in termini assoluti di CO2, rispettivamente con 332, 297 e 258 milioni di tonnellate. Francia e Spagna sono pero’ state meno ‘disciplinate’ nel tagliare le emissioni, riducendole solo dello 0,8% e dell’1,4%, rispettivamente.

L’Ue nel suo complesso nel 2011 aveva gia’ ridotto le emissioni del 4,1% rispetto al 2010, quasi il doppio rispetto alla riduzione del 2,1% raggiunta nel 2012.

Ansa.it

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.