catiusciamariniPERUGIA Dopo le dimissioni in blocco della segreteria nazionale del Partito democratico in seguito alla mancata elezione di Romano Prodi alla presidenza della Repubblica, sarà l’assemblea nazionale a dover eleggere un reggente. Tra i papabili, “Repubblica” oggi cita anche la governatrice Catiuscia Marini. Il suo nome è accostato a quello di Guglielmo Epifani, ex leader Cgil e deputato, ma è la presidente dell’esecutivo regionale a essere data in pole position. I papabili reggenti, secondo questa ipotesi, risponderebbero così a un requisito preciso: essere personaggi “di garanzia”, fuori dalle logiche congressuali, a differenza di un Matteo Renzi, ad esempio.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.