kabobo2MILANO – Lo ricordate Mada Kabobo? Quell’uomo dalla pelle nera, irregolare in Italia, che un mattino di maggio prese a picconate persone a caso a Milano uccidendone tre? Mada Kabobo, che ha passato questi mesi in carcere accusato di triplice omicidio volontario e lesioni volontarie, qualcosa che se arrivasse a sentenza procurerebbe diversi anni di carcere, ebbene Kabobo potrebbe non scontare mai alcuna pena in galera.Potrebbe, addirittura, non affrontare un processo.

La perizia psichiatrica, che si rese evidentemente necessaria sin dalle prime battute di questo caso, quando Kabobo agli inquirenti disse: “Sento le voci, sono cattive”, ha dimostrato che questo ghanese poco più che trentenne non è in grado di intendere e volere. Era stato il giudice per le indagini preliminari ad accogliere la richiesta di una perizia avanzata dal pubblico ministero. Troppi segnali rendevano evidente che Kabobo aveva problemi psichiatrici. Infatti fino a oggi è stato ospitato nel reparto psichiatrico della casa circondariale di San Vittore.

Ora il gip dovrà decidere, sulla base della perizia, se Kabobo non fosse in grado di intendere e volere solo al momento delle aggressioni oppure se non lo sia affatto, in generale. La cosa cambierebbe il suo destino: nel primo caso sarebbe giudicato e mandato in ospedale psichiatrico a scontare la sua pena. Nel secondo, non affronterebbe nemmeno il processo, pur finendo comunque in qualche istituto.

 BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.