distributori_merendineROMA – Pausa caffè, marche da bollo e gadgetdelle riviste specializzate. Ma anche e-cig, telo mare, borse termiche e rincaro della Robin Tax per le piccole imprese. Sono le micro-tasse disseminate qua e la che in tutto fanno 550 milioni di euro, utilizzati per rinviare Iva e Imu e per finanziare gli ecobonus. Sono le tasse dei poveri: c’è chi le chiama pocket-tax, oppure poor-tax, come le ha definite il Wall Street Journal, sono balzelli che incidono apparentemente in piccolissime quantità sulla vita quotidiana ma che, arrivati a fine mese, fanno la differenza.

Roberto Petrini sul quotidiano la Repubblica, offre una vasta gamma di esempi:
E’ il caso delle sigarette elettroniche: appena usciti dalla schiavitù del tabacco, circa 2 milioni di italiani si troveranno a dover pagare il 58,5% di imposta, con relativo rialzo dei prezzi, sulle e-cig (ieri la protesta dei produttori: settore distrutto). Anche la pausa caffè sarà più cara: proprio per finanziare gli ecobonus è stata aumenta l’Iva sulle macchinette che distribuiscono le merendine e i cappuccini negli uffici e nelle scuole. E’ salita dal 4 al 10%. Con relativi aumenti e un gettito di 104 milioni all’anno. Altri 125 milioni vengono invece da un settore in crisi come l’editoria: i gadget allegati ai giornali dovranno sottostare all’aliquota ordinaria del 21% e non più a quella del 4%.
Senza tralasciare l’aumento strisciante delle marche da bollo:
Per chi non se ne fosse accorto, dal 25 giugno la marca da bollo da 1,81 euro è passata a 2 euro,mentre quella da 14,62 è passata 16. In tutto un incasso di 197,2 milioni all’anno che serviranno per la giusta causa del terremoto in Abruzzo. Sicuri perché questa pocket-tax colpisce tutti e in molti momenti della normale attività quotidiana: fatture, atti dal notaio, passaggi di proprietà, iscrizioni all’università, richieste di documenti e passaporti. Infine […] la mini accisa sui carburanti il cui importo sarà quantificato successivamente con un provvedimento dell’agenzia delle dogane: aumenteranno benzina e gasolio. 
Certo è che per far quadrare i conti e non “sfasciare” i conti pubblici, da qualche parte i soldi bisogna pure andarli a pescare. Ma fa rabbia scoprire che poi lo stesso governo ha al contempo cancellato la tassa sul possesso degli yacht: fino a 14 metri si pagavano 800 euro, ora non si paga più nulla.E rinviato la Tobin tax, la tassa sulle transazioni finanziarie che non tocca certamente le fasce più basse di reddito: l’aliquota dello 0,2 sul trasferimento di proprietà delle azioni o di altri strumenti finanziari non si pagherà più il 16 luglio, ma il 16 ottobre.
art su blitz

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.