pagina facebook di Giorgio NapolitanoCONEGLIANO (Treviso) — Insulta il capo dello Stato su Facebook e per questo è indagato per il reato di offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica. Rischia di costare caro ad un coneglianese un post scritto sulla pagina di un gruppo del famoso social network, per manifestare tutto il proprio dissenso nei confronti di Giorgio Napolitano. Uno stralcio dell’inchiesta avviata dalla procura e dalla polizia postale di Firenze è arrivato a Treviso e per l’indagato si profila la richiesta di rinvio a giudizio. Il ruolo di Napolitano, nonostante sia ormai in scadenza di mandato, è più che mai al centro della politica italiana, impegnato in prima persona a cercare di risolvere l’empasse in cui sono precipitati i partiti politici dopo il risultato elettorale.

Nonostante questo però, sono in molti a non amarlo e a criticare aspramente il suo operato. Ma se la maggior parte usa il diritto di critica nei modi e nelle forme lecite, c’è anche chi, soprattutto attraverso internet, spesso travalica i limiti. Vari, ad esempio, i gruppi nati su Facebook per criticare il Presidente: da «Napolitano non è il mio Presidente» a «Napolitano e le sue frasi ovvie» fino all’ancora più esplicito: «Vergognarsi del Presidente Napolitano ». Pagine sulle quali i commenti negativi, così come gli aggettivi spesso offensivi e ingiuriosi, si sprecano e che vengono seguite da uno stuolo di iscritti e migliaia di «Mi piace». E proprio su una di queste pagine dall’inequivocabile nome «Io odio Napolitano », D.B., 35 anni di Conegliano, avrebbe manifestato la sua poca stima nei confronti del Capo dello Stato.

L’uomo infatti, avrebbe lasciato un post per commentare alcune notizie sul Presidente, definendolo, senza mezzi termini, «stronzo». Un commento che, insieme agli altri della pagina, non è sfuggito agli ispettori della polizia postale di Firenze che hanno avviato un’indagine sul gruppo (che nel frattempo è stato chiuso), identificandone fondatori e iscritti. Tra quelli che hanno ricevuto un avviso di garanzia, anche il coneglianese per il quale uno stralcio dell’inchiesta è stato avviato in procura a Treviso, affidato al sostituto procuratore Antonio De Lorenzi, che ha da poco chiuso le indagini. Per l’indagato che, attraverso il suo avvocato Francesco Serafin sta per depositare una memoria difensiva, si profila quindi il probabile processo e il rischio di una pesante condanna. La pena prevista per il reato di offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica, è infatti stabilita da un minimo di uno ad un massimo di cinque anni di reclusione: «Quella del mio cliente è stata una leggerezza—commenta il difensore Francesco Serafin —. Su quella pagina ha lasciato un unico post, preso dal momento e senza riflettere. Per quell’unico errore, ora rischia una condanna che pare spropositata se paragonata a quelle per una comune diffamazione».

Corriere.it

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.