++ SPARI P.CHIGI:PREITI A PM,GESTO DECISO 20 GIORNI FA ++PERUGIA Il presunto killer di Anzio è finito in manette nella zona del lago Trasimeno. Il giovane ricercato da due settimane perché ritenuto il responsabile degli spari contro due trentaduenni, uno dei quali è rimasto ucciso, si era nascosto in Umbria. Avrebbe agito per un probabile movente passionale proprio sotto casa sua. Nessun freno aveva esercitato su di lui, evidentemente, il fatto di trovarsi agli arresti domiciliari. Sono stati i carabinieri di Anzio a trarlo in arresto. E’ stato portato nel carcere di Capanne.
Il delitto si è consumato il 28 maggio intorno alle 19.45 in corso Italia. I due uomini contro cui il presunto killer, 22 anni, si è accanito sono arrivati davanti l’abitazione di quest’ultimo in macchina. Poi sarebbe scoppiata una lite, finché il giovane arrestato non avrebbe tirato fuori una pistola. Il 22enne Daniele Righini, di Nettuno, è stato freddato da un colpo alla testa mentre il suo amico, di Anzio, se l’è cavata malgrado una grave ferita all’addome.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.