gay-2BISCEGLIE (BAT) – L’omosessualità deriva dalla mancanza della figura paterna e si “cura” con la preghiera: è questa la teoria che i turisti di passaggio all’Anfiteatro Mediterraneo di Bisceglie, in Puglia, si sono sentiti esporre da un attore la sera del 16 agosto durante il musical “Il mio canto libero – (Scegli la vita!)” portato in scena dalla Comunità “Arca dell’Alleanza”. Lo denuncia l’ufficio stampa dell’Arcigay.

“L’evento – spiega la nota – apriva il cartellone di Musical ed evangelizzazione per le strade e le spiagge a Bisceglie, manifestazione in programma nella cittadina pugliese dal 16 al 18 agosto, con il patrocinio del Comune e della Pastorale giovanile”.

”Sono stati gli stessi turisti – spiega l’Arcigay – asegnalare, scandalizzati, l’evento ad Arcigay BAT (Barletta – Andria – Trani) che, contattata la comunità, si è vista confermare il contenuto di quel monologo”. “Un messaggio falso e scellerato – commenta il presidente di Arcigay, Flavio Romani – che infierisce sul disagio e il senso di inadeguatezza che i giovani omosessuali sono costretti a provare nel nostro Paese e che oggi, ce lo dimostra la cronaca, ha i connotati di una vera e propria emergenza”.

“Questa è la libertà di opinione – chiede il presidente di Arcigay – che i cattolici intendono salvaguardare nel testo della legge contro l’omotransfobia? Sono questi i punti di vista – di impianto identico all’eugenetica nazista – che il nostro Parlamento vuole mettere al sicuro emendando quella legge?”.

Infine un appello a Comune di Bisceglie: “Ci aspettiamo – conclude Romani – una netta presa di distanza dell’amministrazione comunale e scuse pubbliche verso le tante persone che quel monologo ha ferito e offeso”.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.