polizia testaccioTERNI Scappano di casa. E non voglio tornare. Ma l’Ufficio Minori della Questura di Terni conosceva già la situazione difficile di due ragazzine ternane, perciò quando il padre di una di loro si è presentato in ufficio venerdì scorso per denunciarne la scomparsa – avvenuta tre giorni prima – gli agenti si sono subito messi a perlustrare le zone frequentate dalle due e a leggere i loro messaggi sui social network. Il giorno dopo, sono riusciti a localizzarle. A quel punto  gli assistenti sociali del Comune di Terni  e gli agenti della Volante le convincono a seguirli in Questura. Le due ragazze minorenni state affidate una alla madre e l’altra ad una comunità.
Entrambe, ricostruiscono dalla Questura, con situazioni difficili alle spalle, hanno confermato di essersi volontariamente allontanate da casa e di non volerci tornare. In questi giorni si sono nascoste nel garage di un loro amico, a volte ospiti di conoscenti e addirittura in strada, in un cortile semi-abbandonato fra i palazzi del centro, dove gli agenti hanno trovato i loro vestiti tra gli avanzi di cibo.
“Questa non è stata la loro prima fuga  – specifica la Questura – e ora il Tribunale per i Minorenni di Perugia valuterà l’eventuale affidamento per entrambe a una comunità educativa fuori regione, lontana dal loro solito ambiente”.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.