carabinieri-notte2PERUGIA Deferito in stato di libertà invece un tunisino 16enne, senza fissa dimora e senza un impiego, per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Nella serata di martedì il ragazzo è stato notato dai carabinieri mentre si aggirava con fare sospetto insieme ad altri cittadini extracomunitari in via Ulisse Rocchi e alla vista dei militari ha tentato la fuga ma è stato prontamente bloccato. E’ nata così una colluttazione  durante la quale i due militari operanti hanno riportato delle lesioni poi curate dei sanitari del pronto soccorso, ferite giudicate guaribili in 4 e 21 giorni. Dopo le formalità di rito, il 16enne è stato accompagnato nella comunità per minori di Perugia.
I militari dell’aliquota radiomobile del nucleo operativo di Perugia hanno inoltre tratto in arresto un marocchino, 26enne, domiciliato a Perugia ed agli arresti domiciliari, per aver violato ripetutamente le prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria, non avendo rispettato l’obbligo di rimanere a casa.
Deferito anche un tunisino 27enne con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era infatti gravato da precedenti per analoghi reati. Sempre nella serata di martedì, l’uomo è stato sorpreso in piazza Grimana insieme ad alcuni extracomunitari che si sono allontanati alla vista dei militari. Sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso di sette grammi di hashish.
Un 19 anni al termine di un servizio di pedinamento è stato sottoposto a controllo in via Cortonese. Il ragazzo è stato trovato in possesso di 5 grammi di hashish, suddivisa in dosi pronte per lo spaccio, e quindi denunciato.
Si aggirava in via del Macello con un coltello a serramanico con lama di 9 centimetri. Deferito un operaio 52enne che a seguito di una perquisizione personale non ha saputo giustificare ai carabinieri il motivo dell’oggetto illegale.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.