stendardo perugia pride villagePERUGIA Si sono aperti i cancelli dei Giardini del Frontone di Perugia in occasione del Perugia Pride Village. E’ iniziata la giornata dedicata al mondo Lgbtqi e alla rivendicazione dei diritti che vanta il sostegno del Comune di Perugia e di PerugiAssisi 2019. L’evento nato da un’idea del Gruppo Giovani dell’associazione Omphalos è il primo nel suo genere a livello nazionale. Previsti una serie di eventi fra dibattiti a tema, proiezioni di film e cortometraggi. Ecco il programma completo.

Alle 15 apertura Perugia Pride Village.

Alle 16 attività ludico/culturali a cura delle associazioni partecipanti.

Alle 17 dibattito: “Strategia nazionale per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”. A cura di Unar – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, interverrà il prof. Vanni Piccolo, rappresentante Unar.

Alle 18.30 dibattito sulla storia del movimento Lgbt in Italia. Interverranno Flavio Romani (presidente Arcigay), Franco Grillini (presidente onorario Arcigay), Claudia Barbarano (consiglio delle garanti Arcilesbica), Wladimiro Boccali (Sindaco di Perugia) e Vanni Piccolo.

Alle 20 aperitivo in musica a cura di “Ponte Solidale”, intrattenimento a cura dell’associazione “Visione d’Insieme”.

Alle 21 proiezione in anteprima del corto “Don’t Bully Love”, realizzato dal Gruppo Giovani Omphalos.

Alle 21.30 Proiezione del film “Come non detto”, inserito nel programma ufficiale del palinsesto del Cinegatti. Interverrà l’attore Josè Dammert, co-protagonista del film di Ivan Silvestrini. Ingresso libero offerto da Arcigay Arcilesbica Omphalos.

Alle 23 musica dal vivo con il gruppo Prolet Cantautorato scanzonato.

Sul posto saranno presenti gli stand delle associazioni benefiche del territorio che parteciperanno alla giornata: Amnesty International Gruppo 045, Centro Servizi Giovani, Famiglie Arcobaleno, Fuori dall’Ombra, Giovani Democratici, Informagiovani, Ponte Solidale, Rainbow Factory, Rete degli Studenti Medi, Sinistra Ecologia Libertà, Segretariato Italiano Studenti di Medicina, Skunk Prod, Spazio Bianco, Supernova Culture, Udu Sinistra Universitaria, Visione d’Insieme.
Anche il clima politico sociale mondiale sembra voler soffiare vento sulle vele dei diritti Lgbtqi. Un importante riconoscimento arriva da oltreoceano. Lo Corte Suprema statunitense ha infatti bocciato il “Defence of marriage act” che privava le coppie gay sposate di una serie di benefici tributari, sanitari e pensionistici. Sulla scia della soddisfazione del presidente degli Usa Barack Obama, “un grande passo verso l’uguaglianza”, si è inauguratoci un evento aperto a tutti. Anche alle famiglie eterosessuali che oggi possono partecipare a una manifestazione che rivendica diritti umani che già in molti Paesi del mondo sono stati concessi senza l’inspiegabile clamore dei pregiudizi che affligge ormai da troppo tempo la nostra Italia.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.