piantagione_marijuana_jato_palermoROMA – Se l’economia è in crisi, e l’agricoltura è ancora di più in crisi, c’è una cosa che in Italia non conosce recessione: le piantagioni di marijuana.

Il 4 settembre, a Roccella Jonica in Calabria, la Guardia di Finanza ha scoperto una piantagione di marijuana grande come 3 campi da calcio – e che avrebbe fruttato 4 milioni di euro.

L’indomani sul Lago di Lesina, a San Nicandro Garganico (Foggia), è stata scoperta una “coltivazione” di 99 piante di marijuana, alimentata direttamente con l’acqua del lago.

A metà agosto a Roma, nelle campagne intorno al quartiere Casilino, alla periferia est della Capitale, hanno scoperto una piantagione record, la più grande d’Europa per quantità prodotta: 50 tonnellate. Coltivate in un campo di granturco: per ogni pianta di granturco ce n’era una, più piccola, di marijuana. In 3,5 ettari di piantagione si “vendemmiava” erba per un valore di mercato di 10 milioni di euro.

“Vendemmiare” è il verbo giusto per la coltivazione scoperta il 28 agosto nelle campagne vicino San Giuseppe Jato (Palermo): mimetizzate fra i filari di una vigna c’erano 500 piante di marijuana.

Non solo sud: il 2 agosto 700 piante sono state scoperte nel bosco di San Bartolomeo a Salò, sul Lago di Garda.

Abbiamo preso in esame solo i blitz più clamorosi dell’ultimo mese. Che dimostrano che in Italia, insomma, di erba ne cresce.

BlitzQuotidiano

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.