Calci e pugni alla moglie perché non rispetta il ramadan. E’ la punizione inflitta alla consorte da un quarantenne marocchino, arrestato dalla polizia a TORINO. 
A fare intervenire gli agenti nell’appartamento della coppia, nel quartiere Aurora, è stata la stessa moglie dopo una notte di violenze. Gli insulti, le botte e persino un secchio d’acqua versato sul materasso per costringerla a restare sveglia.    L’uomo ha raccontato di essere stato aggredito dalla moglie ai poliziotti, che non gli hanno creduto e lo hanno arrestato.
L’accusa nei suoi confronti è di maltrattamenti in famiglia.
Ansa

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.