AMBIENTE:IMPIANTO FOTOVOLTAICO FERRANIA DA 60 MW/ANNOIn Italia il Pil crescerà dello 0,8% nel 2016 e 2017. Lo afferma l’Ocse nel suo Economic Outlook di settembre, ritoccando rispettivamente al ribasso di 0,2 e di 0,6 punti le stime rispetto all’economic outlook di giugno. La revisione al ribasso delle stime di crescita italiane è dovuta al fatto che le attese “su investimenti e scambi non si sono rivelati così fruttuosi come si prevedeva”, dice Catherine Mann, capo economista dell’organizzazione, presentando l’ultimo economic outlook a Parigi.

“Nel caso dell’Italia dobbiamo riconoscere che c’è una vasta gamma di sfide da affrontare”, ha aggiunto, sottolineando, tra l’altro, che l’Italia sarà uno dei Paesi maggiormente colpiti dalla bassa crescita della zona euro nel 2017.

Pil mondiale rivisto al ribasso, 2,9% in 2016 – Il Pil mondiale crescerà del 2,9% nel 2016 e del 3,2% nel 2017. Lo afferma l’Ocse nel suo Economic Outlook di settembre, ritoccando rispettivamente al ribasso di 0,1 punti le stime rispetto all’economic outlook di giugno. Quanto alla zona euro, la crescita prevista è dell’1,5% nel 2016 e dell’1,4% nel 2017, rispettivamente 0,1 e 0,3 punti in meno rispetto alle precedenti stime di giugno.

Mondo tenuto in trappola da una crescita debole – “La debole progressione degli scambi e le distorsioni del sistema finanziario offuscano le prospettive di crescita globale”: è quanto si legge nell’economic outlook dell’Ocse presentato oggi a Parigi. “L’economia mondiale – prosegue l’organismo internazionale – dovrebbe crescere meno rapidamente rispetto al 2015, solo una leggera accelerazione è attesa nel 2017″. Nelle sue stime – continua il documento – l’Ocse lancia quindi un'”allerta sul fatto che il mondo è tenuto in trappola da una crescita debole”

2016 delude su lavoro, occhio a referendum – In Italia sono stati compiuti “notevoli progressi in materia di diritto del lavoro. Questo ha avuto un effetto sulla ripresa del tasso di occupazione dando vita a un nuovo slancio. L’idea era che questo slancio continuasse nel 2016 ma le nostre speranze sono andate deluse”: lo dice Catherine Mann, capo economista dell’Ocse, precisando che questa situazione è dovuta, tra l’altro, alla scarsa “fiducia” e all'”incertezza politica” sugli esiti del prossimo referendum costituzionale.

Ansa

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.