banca_soldi_cliente-210x300ROMA – In Italia siamo sempre sull’orlo del credit crunch: la “trombosi del credito“, quando il flusso di denaro – vitale in un’economia capitalista – si blocca perché le banche, l’organo deputato a pompare liquidità nel mercato, non prestano più i soldi. Quindi le imprese non hanno i finanziamenti per investire e per sopravvivere e collassano.

Sul Corriere della Sera Sergio Bocconi spiega perché le banche non fanno prestiti, che a giugno hanno registrato un calo del 3,22% rispetto al già anemico giugno del 2012. Si tratta di una sofferenza europea e in particolare italiana, visto che siamo il Paese con i parametri più severi per quanto riguarda il credito:

“Il problema dei crediti deteriorati (non performing loans) che in Italia comprendono sofferenze, incagli, esposizioni ristrutturate e scadute, è in effetti esploso nel nostro Paese (l’ammontare ha raggiunto nel primo trimestre quota 249 miliardi su circa 1.750 di finanziamenti) e Via Nazionale ne ha fatto oggetto di ispezioni e di un’analisi identificando 20 gruppi bancari grandi e medi il cui tasso di copertura era inferiore alla media o aveva registrato diminuzioni significative. Ma è stato lo stesso Governatore Ignazio Visco a sottolineare all’Abi che «l’asset quality review dovrà essere fondata sulla definizione di regole e metodologie comuni, criteri di valutazione uniformi». Secondo stime riportate da Bankitalia nell’aprile 2013, se i crediti deteriorati e i tassi di copertura delle banche italiane fossero ricalcolati con i criteri adottati dalle banche straniere, e quindi per esempio escludendo i crediti garantiti, l’incidenza delle partite deteriorate sul totale dei crediti passerebbe dal 12,4% all’8,5%”.

Bocconi paragona il mercato del credito europeo allaChampions League, dove però una squadra (le banche italiane) gioca con regole più severe e un’altra può muoversi con più libertà:

“Un altro punto riguarda le posizioni garantite: molte banche europee le escludono dai prestiti deteriorati, mentre le nostre classificano i crediti in base al merito del debitore, senza considerare il valore delle garanzie. Troppe differenze, ma spesso non è la prudenza a premiare né sui tavoli ufficiali né su quelli degli investitori. Così la Champions League rischia di vincerla chi in casa ha l’arbitro più «accomodante». E se lo porta in trasferta”.

BlitzQuotidiano

Un commento su “Prestiti: ecco perché le banche italiane non li fanno piu’

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.