cantiere edilePubblicato il bando regionale per l’acquisizione di proposte progettuali per la riqualificazione architettonica e ambientale di quattro ambiti significativi: l’area ex Valtrasimeno, nel comune di Castiglione del Lago; la zona Pip per insediamenti produttivi nel comune di Cascia; l’area industriale dismessa di via Trasimeno nel comune di Perugia, gli ex stabilimenti elettrochimici di Papigno, nel comune di Terni. Il documento è presente sul Bollettino ufficiale della Regione Umbria (n.38 – serie generale) e sul portale istituzionale (www.regione.umbria.it).

“Il bando – spiega l’assessore regionale alla Riqualificazione urbana, Silvano Rometti – costituisce la seconda fase del concorso a tema che la Regione ha indetto per la riqualificazione architettonica e il recupero di quelle aree produttive, spesso parzialmente o totalmente in disuso, che rappresentano un fattore di degrado sia del paesaggio naturale umbro sia delle città e dei centri urbani cui sono prossime. Nella prima fase, con un bando rivolto ai Comuni, abbiamo individuato le aree e le strutture che meritano un’attenzione particolare al fine di  far emergere le nuove potenzialità d’uso e cancellare la ‘miseria’ architettonica”.

Nella prima fase del concorso sono stati selezionati tredici Comuni che hanno trasmesso gli ambiti significativi ritenuti di interesse nei propri territori e da sottoporre a concorso di progettazione. Per i primi quattro ambiti della graduatoria approvata dalla Giunta regionale, scatta ora il concorso per raccogliere idee e proposte per la rigenerazione urbana, ambientale e paesaggistica e il recupero funzionale che possono essere presentate “esclusivamente da professionisti laureati, abilitati all’esercizio della professione di ingegnere e architetto, singolarmente e in gruppo, o tra loro associati”. Le proposte, che dovranno pervenire agli uffici regionali entro il 18 novembre prossimo.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.