ASTTERNI Dai quattro soggetti interessati all’acquisto dell’Ast non sono ancora giunte proposte vincolanti e quindi nessun piano industriale è stato reso noto. E’ quanto emerso oggi nell’incontro tra i sindacati e l’amministratore delegato dell’Ast, Marco Pucci. I segretari generali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl hanno chiesto all’ad di fare il punto sul processo di cessione del Gruppo Acciai Speciali Terni da parte della società Outokumpu “anche a fronte dell’intensificarsi delle ricorrenti dichiarazioni e indiscrezioni emerse negli ultimi giorni”.
L’amministratore ha confermato che, ad oggi, per quanto gli è dato sapere, “i gruppi che hanno manifestato interesse e che hanno visitato il sito ternano sono in totale quattro di cui due con profilo finanziario e altri due con profilo industriale”, ma senza proposte formali e relativi piani. Proprio l’assenza di un piano da cui emerga nero su bianco la tutela di assetti produttivi, volumi e livelli occupazionali.
I sindacati hanno quindi palesato la volontà di “accelerare la convocazione del tavolo ministeriale per conoscere il prima possibile il profilo dell’acquirente”, ribadendo che qualsiasi giudizio sarà “esclusivamente legato all’oggettiva valutazione del piano industriale”.

Corriere dell’ Umbria

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.