boldrini-quirinaleROMA – Votazione a salve doveva essere e votazione a salve è stata. Dal terzo spoglio per l’elezione del Presidente della Repubblica esce come previsto un’altra fumata nera.

Nessuno dei partiti maggiori, con l’esclusione del Movimento 5 Stelle, che ha continuato a votare compatto per Stefano Rodotà ha fatto confluire i suoi voti sui candidati “caldi” per la quarta votazione. Romano Prodi è rimasto al coperto e ha preso soltanto 22 voti. Ancora meno, appena 9, ne ha incassati Anna Maria Cancellieri.

A spoglio ultimato, come previsto, la maggioranza dei grandi elettori ha scelto la scheda bianca, parola pronunciata da Laura  Boldrini ben 465 volte. Secondo Stefano Rodotà che incassa i voti dei 5 Stelle, quelli di Sel e qualche altro da sinistra fermandosi a quota 249.

Staccatissimi tutti gli altri. Terzo arriva Massimo D’Alema a quota 34. Dodici voti più di Romano Prodi, ancora non ufficialmente candidato, che si ferma a 22. Dodici voti anche per Giorgio Napolitano mentre la “scomparsa” di Franco Marini è testimoniata dagli appena sei voti raccolti.

I risultati dello spoglio:

Stefano Rodotà 249

Massimo D’Alema 34

Romano Prodi 22

Anna Maria Cancellieri 9

Giorgio Napolitano 12

Bianche 465

Altri 104

art su blitz

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.