GIOCO-DAZZARDOTERNI Personale della Divisione Polizia Amministrativa Sociale e dell’Immigrazione della Questura di Terni, mercoledì  30 maggio 2013,  nell’ambito dei servizi tesi a contrastare l’attività di raccolta scommesse per conto di bookmaker stranieri, durante un controllo presso una struttura adibita a questo scopo, ha rilevato che la società, che ha in gestione l’attività, avrebbe operato senza la prevista autorizzazione così come disposto dall’art. 88 T.U.L.P.S. e dall’art. 4 l. 401/89. Il gestore l’attività avrebbe operato in nome e per conto di una società maltese; l’attività sarebbe consistita nella raccolta del denaro per le scommesse sportive che poi, telematicamente, sarebbero state fatte confluire nella disponibilità della società maltese e avrebbero eluso, di  fatto, ogni controllo da parte delle autorità italiane. L’operazione  di polizia ha portato al deferimento all’Autorità giudiziaria dei responsabili della società italiana, al sequestro di una somma di denaro, nonché di tutta l’apparecchiatura informatica utilizzata per l’illecita’ attività.  Si fa presente la società italiana nel recente passato aveva presentato richiesta per il rilascio della prescritta autorizzazione che veniva rifiutata dal Questore di Terni per mancanza dei requisiti previsti dalla normativa vigente, e già in  data 15/01/2013 lo stesso locale era stato chiuso per le medesime violazioni .

TerniMagazine

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.