regeni4-300x230Il giorno della sua scomparsa, il 25 gennaio, Giulio Regeni fu fermato dalla polizia e poi trasferito in un compound gestito dai servizi di sicurezza. E’ quanto hanno raccontato all’agenzia Reuters tre funzionari dei servizi segreti egiziani e tre fonti di polizia. La loro versione è in netto contrasto con quella ufficiale più volte ribadita delle autorità egiziane.

Regeni fu trovato morto il 3 febbraio, abbandonato a lato di una strada fuori dal Cairo, con evidenti segni di tortura, secondo quanto riferito da funzionari forensi e procuratori in Egitto. Le autorità egiziane hanno fortemente negato qualsiasi coinvolgimento nella morte dello studente.

Poco prima del ritrovamento del cadavere, la polizia aveva ipotizzato che il ragazzo fosse stato vittima di un incidente d’auto. Settimane dopo, avevano ribadito che Regeni poteva essere stato ucciso da una gang criminale. Le fonti hanno invece confermato a Reuters che la polizia aveva preso in custodia il ragazzo prima che morisse.

“Mai arrestato da polizia” – “Non vi è alcun legame tra Regeni e la polizia o il ministero degli Interni o ‘l’Homeland Security’ (i servizi di sicurezza). Non è mai stato tenuto in nessuna stazione di polizia e (non è mai stato) qui”. Lo ha dichiarato a Reuters Mohamed Ibrahim, funzionario del dipartimento di Comunicazione dell’Homeland Security. “L’unica volta che (Regeni) è entrato in contatto con la polizia – ha spiegato Ibrahim – è stato quando ufficiali di polizia hanno timbrato il suo passaporto nel momento in cui è atterrato in Egitto”. E ha aggiunto: “Se avessimo avuto sospetti per quanto riguarda la sua attività la soluzione sarebbe stata semplice: espellerlo.

Alla domanda se Regeni fosse stato portato nella stazione di polizia di Izbakiya al Cairo, come alcune fonti hanno rivelato a Reuters, un funzionario del ministero degli Interni hanno risposto che “Non rilasciamo alcune dichiarazioni in merito”.

TGCom24

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.